fbpx

L’apatia nei malati di Alzheimer. Come riconoscerla e trattarla

By Aprile 19, 2019Alzheimer
apatia

Si manifesta nelle fasi iniziali della malattia e, di solito, persiste nel progredire della malattia. L’apatia è uno dei sintomi dell’Alzheimer più diffusi e può avere forti ripercussioni anche su chi si prende cura dei malati. Ecco come affrontarla.

 

Oltre ai sintomi cognitivi, come la perdita di memoria o la difficoltà a comunicare, l’Alzheimer presenta anche sintomi non cognitivi, che riguardano la sfera della personalità, la percezione e il comportamento.

Come riconoscere l’apatia

Tra questi uno dei più frequenti è l’apatia che è la perdita di motivazione e che si manifesta come diminuzione dell’attività e proattività e una generale diminuzione degli obiettivi da parte del malato. È frequente vedere le persone malate di Alzheimer sedute, a far nulla, per molto tempo. Spesso non parlano nemmeno con altre persone chiudendosi in se stessi.  Tra i pazienti malati di Alzheimer la frequenza dell’apatia è alta e si manifesta in un intervallo compreso tra il 25 e il 50%.

Una delle conseguenze correlate all’apatia è la depressione, anche se è bene sottolineare che essendo la depressione un disturbo neuropsichiatrico è importante che venga diagnosticato da un medico.

L’apatia si manifesta in genere nelle fasi iniziali della malattia, ma persiste con il passare del tempo ed è così diffuso che dal 2008 sono state emesse alcune linee guida per una corretta diagnosi dal Consorzio Europeo della malattia di Alzheimer. La diminuzione della motivazione nella persona malata deve manifestarsi per almeno quattro settimane e devono manifestarsi almeno due di queste situazioni: riduzione dei comportamenti diretti a un scopo, diminuzione dell’attività cognitiva diretta a uno scopo ed emotività ridotta.

Come affrontare l’apatia

Ma cosa fare quando la persona di cui ci si prende cura manifesta apatia? Ecco qualche suggerimento per gestire meglio questo sintomo e vivere più serenamente:

  • Non forzare
    Se la persona malata mostra di non avere voglia di fare qualcosa, è inutile insistere troppo perché ciò rischierebbe di innervosirlo e agitarlo.
  • Scegli l’attività giusta
    Un buon modo per stimolare la persona che soffre di apatia è invitarlo a svolgere un’attività semplice, che è in grado di portare avanti da solo. A volte l’empatia può derivare proprio dalla frustrazione nel non riuscire più a svolgere mansioni. Nel riuscire a concludere da solo qualcosa, la persona potrebbe ritrovare la motivazione.
  • Valorizza il successo
    Quando il malato riesce a portare a termine un’attività è consigliabile far vedere che lo si è notato e soprattutto apprezzato.

Vuoi ricevere maggiori informazioni?




Ho preso visione dell'informativa. *
Presto il consenso all’invio di newsletter informative.
Presto il consenso all’invio, in forma cartacea e/o telematica, da parte delle società del Gruppo Korian Italia, di comunicazioni commerciali relative ai servizi offerti, di materiale informativo inerente alle attività e agli eventi promossi, di questionari e di indagini di mercato.
Presto il consenso alla profilazione delle informazioni personali per svolgere attività di marketing comportamentale.

* I consensi contrassegnati con asterisco sono obbligatori.