fbpx

Alzheimer, come prendersi cura di un malato creando una routine quotidiana

By giugno 5, 2018Alzheimer
alzheimer routine quotidiana

Le forme di demenza come l’Alzheimer gradualmente compromettono la capacità di una persona di pianificare, iniziare e completare un’attività. Ecco perché attività familiari, gesti ripetitivi e rispetto degli orari aiutano i caregiver nella gestione del malato.

Familiarità. Questa è la parola che ogni caregiver deve tenere a mente prendendosi cura di un malato di Alzheimer. Più le azioni, i volti e gli ambienti sono familiari, meno stress creano nel nostro caro. Le attività strutturate in una routine quotidiana possono infatti ridurre l’agitazione e migliorare l’umore.

Prendersi cura di una persona affetta da qualche forma di demenza è un lavoro molto impegnativo che richiede pazienza e tolleranza. Per evitare di sopraffare il nostro malato con troppe cose contemporaneamente, ma anche per alleggerire il nostro lavoro, è dunque importante creare delle abitudini

Come farlo? Ecco alcuni suggerimenti per costruire un piano della giornata funzionale.

    • Tieni conto come prima cosa delle abitudini della persona, i suoi gusti e le sue preferenze. Imposta le giornate seguendo le sue usanze, proponendogli attività familiari o simili. Per esempio se la domenica la persona era abituata ad andare a messa, e le condizioni fisiche lo permettono, portalo.
    • Programma le attività più impegnative nel momento della giornata in cui la persona è più attiva e reattiva.
    • Non sovraccaricare di attività la giornata. Lo stress genera altro stress.
    • Dedica molto tempo ad attività come i pasti e l’igiene e lasciane altro tra una attività e l’altra così che imprevisti o attività cosiddette spontanee – come le visite di amici o parenti – non intralcino il vostro piano.
    • Lascia il più possibile autonoma la persona, ma riduci le possibilità di scelta: per esempio proponi solo due opzioni per il pranzo o per gli abiti da indossare. Coinvolgi, ma senza creare confusione.
    • Rispetta gli orari della sveglia e del coricamento. Dormire lo stesso numero di ore ogni giorno aiuta a mantenere equilibrio durante la giornata.
    • Crea una routine anche in cucina. Per esempio stabilendo, proprio come si faceva una volta, cosa mangiare in base al giorno della settimana. Più riferimenti temporali riescono a individuare i malati di Alzheimer, meno senso di smarrimento proveranno.
    • Sii flessibile: una volta creata la routine, sii pronto a modificarla in corsa se la persona che curi dimostra segni di insofferenza. Non solo, con il progredire della malattia le capacità e le esigenze del malato cambieranno. Con creatività e flessibilità sarai pronto a modificare la routine per adattarla meglio alle nuove esigenze.

In ogni caso, tieni a mente che non esiste un modo giusto per creare una routine quotidiana, ma esiste il modo che funziona meglio per te e la persona di cui ti prendi cura.
Non preoccuparti di farlo in maniera perfetta, prova, sperimenta e adatta fino a quando non troverai la formula giusta.

 

  • Entra a far parte della nostra community.

    Iscriviti per rimanere aggiornato.
    * I consensi contrassegnati con asterisco sono obbligatori.

Vuoi ricevere maggiori informazioni?




Ho preso visione dell'informativa. *
Presto il consenso all’invio di newsletter informative.
Presto il consenso all’invio, in forma cartacea e/o telematica, da parte delle società del Gruppo Korian Italia, di comunicazioni commerciali relative ai servizi offerti, di materiale informativo inerente alle attività e agli eventi promossi, di questionari e di indagini di mercato.
Presto il consenso alla profilazione delle informazioni personali per svolgere attività di marketing comportamentale.

* I consensi contrassegnati con asterisco sono obbligatori.