fbpx

Alzheimer: come migliorare le cure in casa

By Giugno 21, 2019Alzheimer
migliorare le cure in casa

Secondo i dati della Federazione Alzheimer Italia, quasi la metà dei malati di Alzheimer vive in casa. Il lavoro di familiari e caregiver è molto impegnativo, anche perché ogni caso è diverso dall’altro, ma migliorare le cure in casa delle persone affette da questa forma di demenza è possibile. Primo step: creare una routine

 

Vivere con una persona affetta da Alzheimer può essere molto stressante: perdita di memoria e continuo peggioramento delle facoltà cognitive e motorie rendono i pazienti sempre meno autonomi. Inoltre tra i sintomi più frequenti di questa malattia ci sono ansia, depressione e anche allucinazioni; sebbene non ci sia una cura farmacologica in grado di guarire o fermare il progredire della malattia, si può però migliorare la convivenza con il malato con un duplice scopo. Alleviare la fatica e l’impegno di chi si ne prende cura e contenere gli effetti e l’avanzamento della malattia sul paziente.

Migliorare le cure in casa è possibile stabilendo delle attività e ripetendole ogni giorno così che, per il malato, diventino un’abitudine. Creare una routine quotidiana è infatti un ottimo sistema per diminuire il senso di smarrimento nei malati di Alzheimer. Certamente, in base alla fase in cui si trova il paziente, le attività che lui o lei potrà svolgere saranno diverse, ma è sempre importante mantenere la persona attiva.

Creare una routine quotidiana, perché?

  • la ripetizione diminuisce lo stress;
  • per lasciare il malato il più autonomo e indipendente possibile, mantenendo alta il suo umore e l’autostima;
  • lo svolgimento di attività, anche semplici, aiuta a mantenere le facoltà residue – sia quelle cognitive sia quelle funzionali/motorie;
  • la ripetizione aiuta a strutturare la giornata;
  • compiere attività fisica aiuta a facilitare il sonno del malato, spesso disturbato.

Come migliorare le cure in casa

Le attività che si possono far svolgere a un malato di Alzheimer sono molte, l’importante è scegliere quelle che davvero è in grado di svolgere da solo per non creare l’effetto contrario e innervosirlo. Ma soprattutto è importante provare e sperimentare. Un buon criterio di scelta è seguire le inclinazioni e le passioni del malato. Se per esempio il nostro familiare amava il giardinaggio, fargli curare piante e fiori potrebbe essere una buona idea. Allo stesso tempo, però, non è detto che ciò che piaceva un tempo o che era la sua professione sia utile per calmarlo. Se si avvertono sentimenti negativi, è necessario interrompere l’attività e provare con qualcos’altro.

Ecco alcuni esempi di attività da far compiere a una persona malata di Alzheimer per creare una routine quotidiana:

  • cucinare;
  • lavarsi e vestirsi;
  • ballare e ascoltare musica;
  • leggere libri e giornali;
  • disegnare, dipingere, decoupage;
  • giocare a carte;
  • lavorare a maglia;
  • giardinaggio;
  • praticare qualche sport (in versione soft);
  • svolgere piccole attività domestiche.

Contact Form Blog

  • Entra a far parte della nostra community.

    Iscriviti per rimanere aggiornato.
    * I consensi contrassegnati con asterisco sono obbligatori.

Vuoi ricevere maggiori informazioni?




Ho preso visione dell'informativa. *
Presto il consenso all’invio di newsletter informative.
Presto il consenso all’invio, in forma cartacea e/o telematica, da parte delle società del Gruppo Korian Italia, di comunicazioni commerciali relative ai servizi offerti, di materiale informativo inerente alle attività e agli eventi promossi, di questionari e di indagini di mercato.
Presto il consenso alla profilazione delle informazioni personali per svolgere attività di marketing comportamentale.

* I consensi contrassegnati con asterisco sono obbligatori.